Differenti stili di apprendimento

Esistono tecniche e strategie da poter insegnare agli studenti per comprendere e ricordare il testo scritto di qualsiasi disciplina, tutte volte a generare maggior consapevolezza verso quanto si apprestano ad imparare. Si perché non è solo una questione di applicare correttamente una serie di accorgimenti per essere preparati in vista di una verifica o interrogazione ma un qualcosa di più vasto, che comporta una riflessione sul proprio progetto di studio.

Ho già parlato in un precedente articolo dell’importanza che assume una capacità di lettura consapevole nella riuscita scolastica, in questa sede mi occuperò di illustrare altre componenti. Per poter improntare un’attività di recupero allo studio che sia efficiente è indispensabile capire quale sia lo STILE DI APPRENDIMENTO di ciascun studente, ovvero la modalità con cui più spesso tende ad approcciarsi al testo scritto. Esso può essere di due tipi, GLOBALE o SINTETICO, entrambi utili sebbene estremamente diversi.

Lo stile globale è proprio di chi ha la tendenza e la capacità di sintetizzare quanto ha letto, con il limite di poter perdere così delle informazioni importanti, mentre un approccio analitico allo studio consente sicuramente di conoscere tutto quanto è contenuto nel testo, ma con il rischio di sovraccaricare la memoria di informazioni, e quindi di non poterle ricordare tutte. Questa seconda tipologia di studenti, gli analitici, saranno sicuramente quelli più scontenti, avendo l’abitudine di passare molto tempo sui libri ma senza conseguire i risultati sperati.

Come si può conoscere scientificamente a quale stile si appartiene? Esistono strumenti che l’esperto di metodologia conosce, in particolare quelli elaborati dall’equipe dell’Università degli Studi di Padova capitanata dal Professore Cesare Cornoldi, con i quali poter fare una fotografia dello stile di apprendimento, ma non solo essendo considerate anche altre variabili, di tipo psicologico e relazionale, sempre più osservate da chi si occupa di insegnamento.

{lang: 'it'}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Navigation