Sono ipocondriaca, di quale male dovrò morire?

“Ho uno strano formicolio al piede, cosa sarà? “; “Ho una sensazione di bruciore alla mano, quale sarà il mio male?”; “Ho spesso delle fitte al cuore, avrò un infarto?”; “Gli esami medici sono tutti negativi ma io credo di avere una malattia gravissima”; “E se gli esami non fossero quelli giusti?”.

Quali ripercussioni può avere il pronunciare queste frasi sul proprio stile di vita? Quale tipo di processi mentali interagiscono con la paura di avere una malattia?

Innanzitutto il focus di attenzione è diretto al proprio corpo in maniera costante, per la paura di trovarsi impreparati nel caso in cui il sintomo dovesse sopraggiungere.
Ma il restringimento dell’ attenzione ha come svantaggio la perdita della visione del tutto: della propria vita, delle proprie relazioni, dei propri progetti.
L’aspettarsi poi di essere colpiti prima o poi da un male, assume un potere fortemente profetico, nel senso che l’aspettativa assume un valore di realtà, tende cioè ad avverarsi, come insegnano gli studi di psicologia sociale . E allora: la paura di avere una malattia articolare farà aumentare il tremore alle dita e la paura di un infarto farà aumentare gli episodi di tachicardia.
L’aspettativa sul futuro, genera il futuro stesso, il pensiero infatti ha un potente valore creativo.
Con questo non si vuole dire che la persona ipocondriaca rischia di ammalarsi necessariamente della malattia che teme di avere, ma che il suo atteggiamento mentale non è privo di conseguenze sulla sua salute.

Vivere costantemente in uno stato di preoccupazione che si verifichi il peggio genera comunque di per sé, a lungo andare, una condizione di forte stress, con la possibilità di sviluppo di una condizione di comorbidità con altre problematiche ansiose, come le fobie e gli attacchi di panico. Le difese immunitarie del corpo a loro volta tendono ad abbassarsi, aumentando la vulnerabilità alle malattie, per il rapporto di reciprocità esistente tra la mente e il corpo, interconnessione questa ormai nota nel mondo scientifico.

L’avere cura di quello che pensiamo diventa allora altrettanto importante della cura del proprio corpo, diventa un investimento sul futuro e una garanzia di un presente pieno e felice.

{lang: 'it'}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Navigation